Back

Signore Panettone

Visita la metropoli della Svizzera orientale e lasciati incantare dai Panettoni di Pietro Cappelli

Oro per i migliori panettoni della Svizzera. Il viaggio allarga l'orizzonte e, grazie a Pietro Cappelli, anche il piacere. Perché il panettiere di culto di San Gallo - famoso per le sue vette da molti anni - ha ora una clientela che arriva anche da lontano. Anche l'ex presidente del Consiglio italiano ha già ordinato un "Panettone di San Gallo".  La mattina, quando nel Linsebühl c'è un buon profumo di pane fresco e la gente fa la fila nel piccolo panificio, si arriva alla Panetteria di Pietro Cappelli. Il vivace mastro fornaio gestisce la sua attività qui, nella Linsebühlstrasse 80 di San Gallo, da 37 anni. La simpatica Panetteria è la patria dei migliori panettoni della Svizzera. Pietro Cappelli ha più di 20 medaglie per il suo "Panettone di San Gallo". "Quello che facciamo qui non funzionerebbe in Italia", spiega Cappelli. Il Panettone è tradizionalmente un dolce natalizio e viene offerto in Italia al più presto dopo Ognissanti, cioè da novembre. Nella città di San Gallo, patrimonio dell'umanità, il Panettone è richiesto tutto l'anno. A seconda della stagione, i clienti possono scegliere fino a 15 varietà di panettoni. E così Cappelli non rimane mai senza lavoro in panetteria. "I clienti preferiscono il tradizionale panettone con frutta candita e uvetta", spiega il maestro panettiere. Una parte della frutta che Cappelli usa per i panettoni proviene dall'orto della madre sull'isola italiana di Lipari e viene candita da lui stesso. A differenza di un panettone che contiene frutta lavorata industrialmente, le sue creazioni sono prodotti freschi dalla frutta all'impasto. "Di conseguenza, non dovrebbero essere conservati per mesi", spiega Cappelli. In definitiva, sono proprio le piccole raffinatezze come la canditura della frutta a rendere speciale il suo Panettone. Dietro ogni buon prodotto c'è anche una buona storia, e Pietro Cappelli non fa eccezione. La sua storia inizia nel Medioevo nel monastero di San Gallo, dove un certo Padre Bernardo Antonio era responsabile della cottura del pane. Per i monaci pellegrini il pane era molto nutriente, ma insipido. Hanno chiesto a padre Antonio di "mettere qualcos'altro nel pane". Padre Antonio esaudì il desiderio dei monaci e aggiunse al pane pezzi di mela quando c'erano molte mele, o uvetta per addolcire il pane. Padre Antonio ha sempre avuto nuove idee e i suoi esperimenti hanno avuto successo. I monaci portavano con gioia il buon pane di padre Antonio durante i loro viaggi. Quando uno dei monaci di San Gallo è arrivato in Italia e gli è stato chiesto che tipo di pane stava mangiando, ha spontaneamente inventato un nome per il pane. Dal nome Padre Antonio si è formato il nome Panettone = Pa(dre)-nettone (Antonio). Beh, se non è vero, è ben inventato, dice un proverbio italiano. La storia è sempre appropriata.  E come mai un "Panettone di San Gallo" è venuto a Roma per il Presidente del Consiglio? "Avevo sottoposto un Panettone alla Federazione svizzera dei maestri panettieri e pasticceri per una valutazione, e ne è venuto fuori molto bene. Inoltre, un membro italiano della Camera dei Deputati, di passaggio, mi ha rilasciato un certificato italiano in cui si elogia il mio Panettone. Questo ha infastidito enormemente i panettieri ticinesi", dice Cappelli. L'entusiasmo per l'attestato "arbitrario" è stato grande e ha portato anche a una denuncia al ministero italiano. La profonda indignazione dei panettieri ticinesi era arrivata anche alle orecchie dell'ex primo ministro. Quando è stato informato degli eventi, ha riso. La sua curiosità non lo ha lasciato però in pace e ha ordinato un panettone da Cappelli. "È così che è successo che un Panettone di San Gallo è venuto a Roma", sorride Cappelli. I panettoni di Pietro Cappelli sono disponibili tutto l'anno nella Panetteria, ora gestita da Pascal Fischbacher. La domanda è particolarmente alta a Natale. A questo punto la "Fabbrica del Panettone" in Linsebühlstrasse 108 viene utilizzata anche come sede di vendita e produzione. 

Ti piace questa storia?

EXTERNAL_SPLITTING_BEGIN EXTERNAL_SPLITTING_END