Torre Belvedere

Descrizione

Tuttavia, il sogno del conte, realizzare un resort alpino per l'aristocrazia europea a Maloja, non si è avverato. Finì i soldi subito dopo l'inizio dei lavori di costruzione e il castello fu completato solo dopo la sua morte. Inoltre, un incendio ha distrutto gran parte dell'edificio. Nel 1953 l'Associazione svizzera per la protezione della natura acquistò il sito e fece a pezzi l'albergo, che era in rovina. Oggi la torre è un simbolo per Maloja.

In estate la Torre Belvedere ospita mostre temporanee e una mostra permanente di Pro Natura dal titolo "La storia del paesaggio del Maloja: geologia, flora e fauna, l'uomo".

Durante la costruzione della torre sono state scoperte sette profonde marmitte dei giganti. Si sono formate durante l'ultima era glaciale e sono grandi buchi scavati in profondità nella roccia, per questo sono chiamate anche "calderoni dei giganti. Con il ritiro dei ghiacciai si sono formati dei vortici d'acqua che, insieme al materiale che trasportavano, hanno scavato dei profondi buchi. Fin'ora sono stati scoperti 31 calderoni di questo tipo. Un sentiero naturalistico con pannelli informativi spiega il fenomeno glaciale e segnala anche la particolare flora della zona.

Opening Hours

La torre Belvedere è temporaneamente chiusa 

Tuttavia, il sogno del conte, realizzare un resort alpino per l'aristocrazia europea a Maloja, non si è avverato. Finì i soldi subito dopo l'inizio dei lavori di costruzione e il castello fu completato solo dopo la sua morte. Inoltre, un incendio ha distrutto gran parte dell'edificio. Nel 1953 l'Associazione svizzera per la protezione della natura acquistò il sito e fece a pezzi l'albergo, che era in rovina. Oggi la torre è un simbolo per Maloja.

In estate la Torre Belvedere ospita mostre temporanee e una mostra permanente di Pro Natura dal titolo "La storia del paesaggio del Maloja: geologia, flora e fauna, l'uomo".

Durante la costruzione della torre sono state scoperte sette profonde marmitte dei giganti. Si sono formate durante l'ultima era glaciale e sono grandi buchi scavati in profondità nella roccia, per questo sono chiamate anche "calderoni dei giganti. Con il ritiro dei ghiacciai si sono formati dei vortici d'acqua che, insieme al materiale che trasportavano, hanno scavato dei profondi buchi. Fin'ora sono stati scoperti 31 calderoni di questo tipo. Un sentiero naturalistico con pannelli informativi spiega il fenomeno glaciale e segnala anche la particolare flora della zona.

Opening Hours

La torre Belvedere è temporaneamente chiusa 

Posizione
Come arrivarci?
EXTERNAL_SPLITTING_BEGIN EXTERNAL_SPLITTING_END